CORSI DI LETTURA PER IMPARARE A LEGGERE IN MANIERA CONSAPEVOLE

Le uniche persone che sono in grado di dare un giudizio su un’opera sono i lettori. Ma ad avere l’ultima parola sarà il tempo. Lo scrittore può solo accettare in silenzio.

Con questa citazione di Murakami da Il mestiere dello scrittore vorrei condividere alcune fugaci riflessioni sull’importanza di saper leggere.

Ogni giorno fioriscono ovunque corsi di scrittura.

Ho frequentato un solo corso di scrittura e ne ho beneficiato; il corso dedicava però svariate lezioni alla lettura, alla riflessione in merito ai testi fondamentali che ogni scrittore deve avere nella propria biblioteca mentale (e preferibilmente anche in quella fisica).

Imparare tecniche di scrittura è importante e indispensabile; a nulla vale però studiare e applicare manuali di scrittura se alla base di questo lavoro non c’è un rapporto profondo con la lettura.

Come dice Murakami lo scrittore deve accettare il giudizio del lettore: questo è indiscutibile.

Il lettore però deve essere un lettore consapevole.

Il nostro ruolo di giudici di un’opera non ci deve far diventare tronfi e arroganti; l’umiltà deve sempre accompagnarci perchè avere tra le mani un libro significa maneggiare il lavoro di qualcuno.

Come ogni cliente che si rispetti, il lettore potrà essere soddisfatto o meno per ciò che gli viene offerto.

Il lettore però non è un cliente e basta: è -o dovrebbe essere- un fruitore attivo del prodotto che sta maneggiando. Un pensatore.

Questo significa innanzitutto trovare un buon equilibrio tra la qualità e la quantità di libri che leggiamo.

Quando ci si avvicina al mondo dei libri, ogni lettura è un guadagno; crescendo però il gusto dovrebbe affinarsi perchè la mente evolve, cresce, abbraccia la complessità del mondo.

In questo senso dovrebbe esserci una maggiore consapevolezza di ciò che si sceglie data dal fatto che non è la sola quantità di libri che leggiamo a farci fare balzi in avanti, ma in primis la qualità.

Come si riconosce un libro scritto bene?

Un libro scritto bene è l’intrecciarsi di contenuto, stile, scavo psicologico di un certo livello.

Tutti questi elementi non sono sempre riconoscibili in maniera immediata: più si è allenati a leggere, più si distingueranno testi di valore da testi sciatti.

La prima regola è leggere con frequenza libri di un buon livello seppur questo richieda fatica.

Se non tutti sono competenti in materia, è molto probabile che ognuno di noi conosca qualcuno che possa consigliarlo se non si fida del giudizio dei critici.

Esistono i circoli di lettura dove c’è la possibilità di incontrare persone con cui parlare di libri.

C’è un fiorire di iniziative locali e nazionali volte a promuovere l’oggetto libro; alcune valide, altre meno, in ogni caso occasioni per immergersi nel mondo delle parole.

Ciò detto vorrei, in questo articolo, fare un azzardo in più rispetto a quanto finora scritto e parlare di qualcosa di particolare: i corsi di lettura.

Con corsi di lettura non intendo corsi in cui imparare (o re-imparare) solo a leggere ad alta voce (abitudine che andrebbe assolutamente rivalutata); di questa tipologia di corsi ho già sentito parlare. Mi riferisco a corsi in cui formarsi per valutare un testo affrontandolo sotto ogni punto di vista (narrativo, stilistico, storico).

L’analisi di un libro era prassi consolidata durante la scuola superiore; oggi giorno sembra però un approccio dimenticato da molti adulti.

Molti sono i problemi che mettono in cristi il lettore contemporaneo: un’offerta di mercato esagerata rispetto alla domanda (troppi libri, pochi lettori), una qualità dei testi non sempre eccelsa, l’analfabetismo di ritorno di cui parla Camilleri che rende illeggibili testi complessi.

A ogni problema c’è però una soluzione e forse un corso di lettura – che dovrebbe diventare una proposta concreta- potrebbe essere un modo per affrontare il dilemma.

Luoghi preposti ad appassionare all’oggetto libro cercando di renderlo meno ostico e più fruibile al grande pubblico; momenti in cui non solo destare interesse per un testo, ma farlo sotto la guida di un esperto conoscitore della materia, un lettore consapevole con una buona formazione che possa indirizzare i partecipanti ad un’analisi approfondita dei testi presi in esame.

Dobbiamo tornare ad imparare a leggere, a capire il significato profondo e la bellezza di un’attività che viene dipinta come noiosa, ostica e per soli intellettuali.

Il marketing ci ha insegnato che un prodotto non viene acquistato se non passa il messaggio che serve ed è bello.

Ripartiamo da questi due elementi e facciamolo sotto la supervisione di qualcuno che possa aprire le infinite porte legate a un testo.

Questo vale per tutti i lettori, scrittori inclusi, dal momento che uno scrittore che non legge non può certamente fare questo mestiere: l’amore per la parola è in primis amore per le parole che leggiamo prima di quelle che scriviamo.

Le mie sono solo riflessioni estemporanee che spero aiutino a ragionare sulla necessità di leggere un testo in maniera adulta.

Solo se siamo consapevoli saremo in grado di fare buone scelte.

Viceversa potremo leggere anche cento libri all’anno, ma non crescere di un centimetro nel nostro mondo interiore.

Credo che il nostro mondo interiore, proprio come l’ambiente che ci circonda, meriti rispetto e un atteggiamento maturo per non diventare una discarica dove buttare prodotti scadenti.

Se rimane sempre valido il detto de gustibus non disputandum est, rimane altrettanto valido sapere riconoscere, al di là del nostro gusto personale, un libro scritto bene da un libro scritto male.

Possiamo scegliere di leggere libri scadenti: l’importante è averne consapevolezza sapendo che il nostro giudizio di lettori non ha mai l’ultima parola ma, come scrive Murakami, deve cederla al tempo, vero giudice dell’arte e della letteratura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...